Noemie  domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 22/03/2020

Matrimonio in crisi per disaccordo sui figli

Salve, sono una ragazza giovane, ho quasi 22 anni e sono sposata da un anno con mio marito che ha un anno più di me. Abbiamo una bimba di 1 anno e mezzo e da tempo desidero tanto avere un altro figlio. Preciso che abbiamo la possibilità di averlo, e vorrei che mia figlia crescesse con un fratello/sorella vicino di età. Il problema è mio marito che essendo giovane si fa condizionare da ciò che dice la sua famiglia( che ancora c'è tempo, che almeno 3 anni devono passare, ecc..).
È dalla scorsa estate che cerca di temporeggiare.
A luglio mi aveva detto che dopo pochi mesi avremmo provato, invece ancora oggi non si è deciso e pochi giorni fa mi dice che vuole aspettare.
Il fatto è che io penso tutti i giorni a volere un altro bimbo e questa cosa mi fa stare male....ormai è un anno che piango per questo argomento...
Ho provato in tutti i modi a convincerlo e a fargli capire che abbiamo la possibilità di fare questo passo, ma lui fa finta di niente .
Chissà quanto ancora dovrò aspettare e starci male.
Come potrò uscirne? Ogni volta che vedo una famiglia numerosa mi viene l'istinto incontrollabile di piangere. È così da un anno ormai....

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Bennati Inserita il 22/03/2020 - 18:01

Lucca
|

Cara Noemi, dobbiamo sempre cercare di raggiungere e realizzare quelli che sono i nostri sogni e dobbiamo impegnarci affinché ciò sia possibile in modo da rendere la nostra vita piena ed appagante. Quando i nostri sogni però coinvolgono anche l'altro, dovremmo soffermarci e capire se tutto quello che vogliamo raggiungere è realizzabile tenendo conto di quelli che possono essere i desideri della persona che ci sta accanto. Purtroppo non sempre i nostri desideri coincidono con quelli di un'altra persona, anche se questa è la persona che amiamo e con la quale abbiamo deciso di trascorrere la nostra vita. Quello sul quale vorrei invitarla a riflettere è il significato che lei stessa dà alla reazione di suo marito. Cosa significa per lei il fatto che suo marito non voglia la stessa cosa che vuole lei? Cos'è che la fa soffrire di più? Immagino non sia facile, ma provi un attimo ad osservare quello che ha adesso, provi a non andare con lo sguardo al futuro e osservi la vita di adesso, suo marito, sua figlia. Cosa vede? Cosa prova? Le ho ho fatto un sacco di domande, ma l'intento è quello di sollecitarla a vivere il presente e godersi ciò che ha realmente oggi, altrimenti il rischio è che anche le cose belle vengono annebbiate dall'incertezza di un futuro che non conosciamo e che ci fa paura perché ci sembra non arrivare mai. La sua sofferenza è più che comprensibile, quando non ci sentiamo ascoltate e lei ha tutto il diritto di essere ascoltata. Provi a parlarne con qualcuno di cui si fida e che la può aiutare a comprendere meglio ciò che sta vivendo.
Un caro saluto
Valentina Bennati