Valeria  domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 11/02/2020

Monza e Brianza

Ansia decisionale e futuro

Buonasera,
Sono una ragazza di 23 anni da sempre insicura e mai stata in grado di prendere delle decisioni.
Mi trovo in una situazione confusionale ora più che mai.
Sono quasi al termine della mia laurea triennale in Scienze del Turismo dopo aver intrapreso un percorso “sbagliato” nella facoltà di Biologia (mollando dopo un mese) e dopo aver fatto un liceo linguistico. Posso dire di non essere per niente soddisfatta del mio percorso di studi: Sto portando a termine questa laurea giusto perché ormai sono quasi alla fine, ma fin dall’inizio ero insicura tanto che chiesi aiuto ad una psicologa dell’orientamento scolastico universitario e mi autoconvinsi che era la scelta giusta.
Avevo già perso un anno per aver iniziato Biologia, non volevo perderne altri con il rischio di non sapere se prima o poi avessi trovato la mia passione di vita.
Il fatto è che ho molti interessi differenti tra loro, ma ogni volta che proietto un interesse in un possibile futuro lavorativo mi viene l’ansia da “e se non fosse la scelta giusta? Se mi pentissi di non aver scelto altro?” O “e se buttassi via altri anni della mia vita?”, “Se non fossi adatta a questa cosa?” O il più frequente di tutti “mi stanco facilmente delle cose.. e se mi stancassi del lavoro? O se in realtà poi effettivamente non mi piacesse?”.
Non so come risolvere tutti questi pensieri che mi stanno perforando il cervello in questo periodo, mi sento come se mi fossi accontentata di questo percorso studi 3 anni fa e ora ne stessi pagando le conseguenze. Quando mi chiedono cosa studio, quasi mi vergogno a rispondere. Vorrei poter dire che studio per diventare qualcuno di importante, il fatto è che nemmeno io so cosa o chi voglio diventare, vorrei solo sentirmi felice e orgogliosa di me per una volta nella mia vita. Vorrei anche capire cosa mi piace dato che non ho un interesse che prevale su altri, mi piacerebbe avere conoscenze approfondite su tutti gli argomenti che più mi appassionano, ma ciò non è possibile.
Quindi, se devo scegliere uno tra i miei interessi, come faccio a sapere che sarà quello giusto per me?
Vi ringrazio anticipatamente per la Vostra pazienza e mi scuso perché vorrei davvero non essere sempre così negativa verso la vita o verso il mio futuro, so che ci sono cose ben peggiori di un “capriccio” come questo.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Sara Vassileva Inserita il 12/02/2020 - 14:33

Genova
|

Gentile Daiana, sembra che la difficoltà di scegliere la strada giusta da percorrere la accompagni da anni. E' difficile rispondere alla sua domanda, ma potrebbe provare a pensare a che tipo di lavoro le piacerebbe fare e farebbe anche solo per il piacere di farlo, che farebbe anche se non la pagassero? A volte è difficile sapere se un lavoro ci piace o meno senza aver mai provato a occuparsene, senza immergersi nella quotidianità di ciò che è la routine di quel tipo di impiego, può iniziare e nel corso del tempo rendersi conto che non le piace e cambiare strada, solo l'esperienza può permetterle di capire meglio cosa è adatto a lei e cosa no.
Se la confusione che vive le rende le scelte particolarmente difficili e le genera molto stress potrebbe rivolgersi ad un terapeuta per cercare di chiarire meglio i suoi dubbi.
Saluti, Sara Vassileva psicoterapeuta Genova