Marco  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 08/01/2021

Bari

Tradimento e omosessualità

Buonasera, scrivo qui perchè cerco aiuto per risolvere una situazione che ho creato.
Sono sposato da meno di un anno ma l'ho fatto avendo un segreto. Utilizzavo con insistenza un'app per omosessuali per organizzare incontri di solo sesso con sconosciuti, uomini. Ne facevo un uso compulsivo. Ogni occasione era buona per guardare in quella "macelleria". Qualsiasi cosa mi andava bene pur di avere, sono esplicito, un rapporto orale. Volevo solo quello. Nel frattempo ero fidanzato e tutto andava bene. Amavo e amo ancora quella che sarebbe diventata mia moglie. Oggi dopo il matrimonio lei ha scoperto tutto e ho deciso di dirle tutta la verità ma ora c'è un divario incolmabile tra me e lei. Se un giorno sembra tutto bellissimo,il giorno dopo ritorniamo in un burrone più scuro della notte. Lei vuole conoscere le ragioni che mi hanno portato ad essere dipendente da quell'app gay ma io, con tutta sincerità, non le ricordo. Tra gli uomini che ho incontrato c'è, tra l'altro, un amico comune. Credo che questa sia stata la cosa che più l'ha distrutta. Ricordo di avere come la mente annebbiata in quei momenti. Oltre al naturale piacere orgasmico non provavo nulla. Nè piacere mentale nè paura di essere scoperto o di contrarre malattie (abbiamo poi fatto tutti i test e siamo entrambi negativi). Non sono gay. Non l'ho mai pensato e oggi, infatti, abbandonato quel mondo sto decisamente bene. Sono più prolifico a lavoro e sto in pace. Vorrei però far star bene anche lei. Come posso fare?
Grazie per la pazienza, spero di essere stato chiaro. Sento di essere stato un demone ma mi vedo, davvero, un futuro da angelo.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 09/01/2021 - 11:38

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Marco,
la prima cosa che può fare per aiutare sua moglie a superare quanto accaduto è iniziare a considerare la situazione un problema comune, che riguarda la coppia, non un'esclusiva difficoltà di sua moglie ("lei vuole conoscere le ragioni"), da cui lei Marco, mi sembra prenda le distanze ("sto decisiamente bene").
Mi spiego meglio: considerando che i suoi incontri con altri uomini si configurano come un tradimento e c'è la connotazione omossessuale reiterata ("uso compulsivo"), è del tutto comprensibile che sua moglie oggi desideri conoscere l'entità di questa sua inclinazione che, pur essendo parte del passato, non può essere sminuita nella sua portata in riferimento al patto di fiducia che contraddistingue ogni coppia.
Nel senso che, anche se oggi lei "sta desisamente bene", comprensibilmente, sua moglie è disorientata da questa dissociazione ("demone" vs "angelo"), di cui va opportunamente indagata la dinamica soprattutto in riferimento al fatto che sembra avere un aspetto automatico ("mente annebbiata"), quindi appare esclusa in parte dal suo controllo razionale.
Mentre, se desidera avere il controllo su di essa e condividere la sua vita con sua moglie, è essenziale che conosca i meccanismi che hanno attivato la ricerca di altri uomini da cui ha comunque ricavato un "piacere orgasmico", ricerca che potrebbe ricomparire, magari in altre forme.
Quindi, può esservi utile richiedere una consulenza di coppia finalizzata ad elaborare il tradimento e stabilire un nuovo patto di fiducia in cui lei Marco rassicura sua moglie dimostrando di conoscere i motivi che l'hanno indotto in passato a tradire, prerogativa essenziale per giungere ad una piena gestione degli stessi, in modo da evitare che non si ripetano.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).

Dott.ssa Mirella Caruso Inserita il 09/01/2021 - 10:27

Milano
|

Gentile Marco, sarebbe interessante sapere in che modo sua moglie ha scoperto i suoi incontri nascosti e chiusi in un luogo ben confinato della sua vita. Forse il cellulare? Succede molto spesso, chissà se è il suo caso, che un segreto sia portato inconsapevolmente sotto gli occhi proprio di chi si voleva tener lontano. Una svista, una dimenticanza, buttare là il telefono proprio a portata di mano. Se fosse così, ci si potrebbe chiedere come mai si è fatto scoprire. Non riuscire più' a sopportare l'idea di tenere quel segreto? Paura che l'amico in comune riveli troppo? Un senso di colpa per non essere proprio trasparente? E' importante che si dia una risposta a queste domande, sia per capire meglio se stesso, sia per aiutarsi a ristabilire un rapporto di fiducia con lei. Se sua moglie ha scoperto tutto, ci sono buone possibilità che voleva farsi scoprire. Perché?