Maria  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 30/04/2021

Agrigento

Ci si può sentire come i depressi?

Qualche giorno fa ho passato due giorni orribili. Ho una grande fobia che mi provoca molta ansia, ma di solito riesco a gestirla anche se ci penso spesso ma non ho eccessive sensazioni negative solitamente, a parte un po’ di tensione e malumore ovviamente. In quei due giorni invece questa paura mi ha messo più ansia del solito, e mi ha totalmente sopraffatta, come se tutto girasse solo intorno a quello e importasse solo quello nella mia vita, e per due giorni interi sono sprofondata in uno stato mentale orribile. Sentivo una sensazione dolorosa praticamente costante, cercavo di fare altro e stavo con gli amici ma anche mentre scherzavo con loro quella sensazione era lì. La mia domanda è: è possibile che abbia sperimentato cosa prova un depresso? Non era un dolore normale, era orribile e opprimente. So che ovviamente non puo’ essere stata depressione essendo durata due giorni, ma è possibile che io in quei giorni abbia sperimentato la depressione? È possibile sentirsi esattamente come i depressi, oppure la depressione si prova solo se la si ha come patologia?
Se no, ho pensato che potesse essere angoscia, che so che è un’esasperazione dell’ansia ed è molto intensa, quindi potrebbe essere. Ma non so, ho difficoltà a riconoscere le mie emozioni. Ad ogni modo, non capisco la differenza tra lo sperimentare depressione e lo sperimentare angoscia.
Vorrei delle delucidazioni al riguardo più chiare possibili, vi ringrazio anticipatamente e scusate se mi sono dilungata.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Alessandra Melli Inserita il 09/05/2021 - 14:49

Mestrino
|

Buongiorno Maria,
la depressione sul piano cognitivo ha generalmente come oggetto di ruminazione i temi del passato,( contrariamente all'ansia che è uno stato di allerta verso eventi che debbono ancora avvenire), rielaborati con senso di colpa, fallimento, inadeguatezza, catastrofismo: la persona può sentirsi senza speranza , con una visione negativa di se stessa e del proprio futuro.
La sintomatologia può essere data da rallentamento od al contrario agitazione, apatia, mancanza di desiderio, di appetito od al contrario di iperfagia, calo od aumento di peso, talora disturbi del sonno e del desiderio sessuale: la sintomatologia ansiosa è caratterizzata da tachicardia, sudorazione, tremori, palpitazioni, vertigini, dispnea...
Depressione ed ansia spesso possono essere ipotizzati all'interno di un medesimo quadro diagnostico. La sintomatologia depressiva non è soltanto riconducibile a quadri di depressione maggiore, bensi anche ad esempio, all'umore deflesso che consegue al ritiro sociale e dalle attività piacevoli conseguente ad esempio, all'evitamento di situazioni che si percepiscono come minacciose (esempio nel disturbo di panico).
Evidentemente questo in estrema sintesi.
Tuttavia se questa sua preoccupazione della sensazione (di aver sperimentato sintomi di depressione)dovesse presentarsi come pensiero intrusivo e persistente che le crea un senso di profondo disagio, le suggerisco certamente un approfondimento diagnostico.
Spero di essere stata esaustiva, resto comunque a disposizione per eventuali chiarimenti in merito.

Cordialmente

dott.ssa Alessandra Melli

Dott.ssa Noemi Carrieri Inserita il 06/05/2021 - 20:32

Salve Maria,
è possibile che partendo dalla sua "fobia" (che andrebbe sicuramente approfondita) lei abbia iniziato a sperimentare un ventaglio di emozioni molto ampio, e che partendo forse da questo stato ansioso, data la persistenza della sua condizione, possa aver causato la deflessione del suo umore, con probabile presenza di pensieri particolarmente negativi ed attivazioni fisiologiche connesse.
Probabilmente ha vissuto un'attivazione emotiva molto molto marcata che può averla particolarmente spaventata, ma non mi sbilancerei a parlare di depressione. Sarebbe opportuno approfondire quello che le è accaduto con un professionista.
Saluti
Dr.ssa Noemi Carrieri