Federica  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il

Bergamo

Attacchi di panico che mi stanno rovinando la vita

Buonasera sono Federica ho 27 anni , da quando ho avuto il mio primo figlio sono iniziati gli attacchi di panico ed ho iniziato la cura con zoloft , ci sono stati sei momenti della mia vita dove andavano e venivano la maggior parte delle volte tt sotto controllo .. dopo 4 anni , cioè 3 anni fa..ho avuto la mia seconda gravidanza da lì la fine dopo che è nata la mia seconda bimba sono andati a peggiorare .. ora ha da un anno che non riesco più ho aggiunto mezza di xanax .. ero andato da un neuropata che con agopuntura alle orecchie e goccia naturali sembrava che mi stesse passando , a novembre ho avuto un aborto volontario , adesso sono crollata nn vivo più ..non posso uscire sola che mi sento male .. non posso uscire in compagnia e stare fuori che mi viene la tachicardia giramenti di testa nausea e paura d impazzire e di scappare , non posso stare a casa sola ,per paura di sentirmi male e nessuno può soccorrermi , non posso fare più rampe di scali o affaticarmi perché dopo che mi viene la tachicardia automaticamente per me sta venendo un infarto o sto per morire e arriva ad alzarmi anche la pressione ..ho fatto un eco al cuore un mese fa tt ok ma io non ci credo penso sempre che mi può venire qualcosa , da due giorni ho dolori al petto che vanno e vengono possono essere collegati al cuore ?? Voi cosa mi consigliate di fare?… attendo una vostra risposta grazie di cuore

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 11/01/2022 - 13:10

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Federica,
da quanto narra, mi pare di capire che i sintomi siano riferibili ad una depressione post-partum non diagnosticata e di conseguenza non adeguatamente trattata e risolta.
Consideri, infatti, che ogni donna, dopo aver partorito, attraversa una fase di tristezza, malumore che vengono definiti post partum blues.
Questa fase può essere più o meno persistente o intensa a seconda delle risorse individuali e del supporto emotivo che riceve la neo-mamma.
Quindi, nel suo caso, poichè sono intervenuti poi altri eventi negativi ("aborto volontario") e il disagio precedente non è stato risolto, lei ora si trova in una condizione di panico acuta.
Perciò, le consiglio di rivolgersi al consultorio più vicino a casa sua oppure ad un professionista privato che possa aiutarla ad elaborare quanto è successo dentro di lei negli ultimi 3 anni.
Un percorso di psicoterapia individuale può aiutarla a risolvere agevolmente la sua situazione e a riprendere in mano la sua vita.
Un caro saluto
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).

Dott. Giovanni Iacoviello Inserita il 15/01/2022 - 13:25

Bergamo
|

Buongiorno Federica,
è consigliabile rivolgersi ad uno psicoterapeuta per la gestione dell'ansia e degli stati emotivi che sta affrontando. Il foglietto illustrativo degli ansiolitici indica l'utilizzo solo per brevi periodi, il che significa che non possono essere usati per via continuativa e non costituiscono una soluzione definitiva per l'ansia.
Le faccio i miei migliori auguri.
Dott. Giovanni Iacoviello

Dott. Valeriano Fiori Inserita il 12/01/2022 - 12:53

Salve Federica, le consiglio prima di tutto di confrontarsi con il suo medico di fiducia per avere più informazioni possibili. Scrive di star male e di non uscire più, quindi credo che un percorso psicologico possa aiutarla a elaborare il suo vissuto emotivo. Non demorda.
Buona giornata.
Dott. Fiori