Lidia  domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 18/10/2021

Crotone

Sono bisessuale ma i miei non lo accettano

Sono disperata è un anno che ho scoperto la mia bisessualità ma i miei genitori non mi accettano, ho provato a parlargliene in modo tranquillo ma mi hanno detto solo cose veramente orribili, mia madre ha detto che sono malata, che ho bisogno di uno psicologo e che sto rovinando la famiglia, mio padre inizialmente voleva cacciarmi di casa ma poi ha detto che non uscirò di casa finché non avrò cambiato idea e che preferiva fossi rimasta incinta piuttosto che dargli una notizia simile, hanno inventato cose sulla ragazza con cui mi frequento, dicendo che non fa per me, che fa uso di sostanze e non posso più vederla. Sono un paio di settimane che ci frequentiamo e ci vediamo di nascosto da tutti per paura di essere scoperte. Non capisco come si possa fare una cosa del genere, non è giusto! Vivo costantemente di ansia, ho gli incubi e attacchi d’ansia ogni giorno. Per rimanere più libera ho dovuto dire ai miei che avevo sbagliato a pensare tutte quelle cose e che mi piace un ragazzo, loro ora pensano che sia tutto ok ma io sto reprimendo i miei sentimenti e sto davvero male. Ho 18 ma non per questo la mia sessualità deve essere presa sotto gamba.
Ho bisogno di un consiglio perché non so cosa fare, grazie.

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Loredana Trebisacce Inserita il 22/10/2021 - 13:08

Roma
|

Cara Lidia,
purtroppo ti sei scontrata con la mentalità dei tuoi genitori che non hanno accettato il tuo modo di essere né le tue decisioni sentimentali e sessuali. Capisco il tuo disagio e posso soltanto immaginare la sofferenza che provi nel dover fingere di essere ai loto occhi " normale" per esser accettata.
Hai modo di intraprendere un percorso psicologico? forse potrebbe aiutarti, non a cambiare, come paventavano i tuoi genitori, ma ad avere un sostegno in questa fase difficile.
Forse sarà necessaria una fase di compromesso, almeno finché dipenderai da loro.
Se vuoi scrivimi ancora, reso a disposizione per qualsiasi chiarimento.
Un caro saluto
Dott.ssa Loredana Trebisacce

Dott. Sacha Horvat Inserita il 18/10/2021 - 19:43

Milano
|

Buonasera Lidia,
sentirsi incompresi e rifiutati fa soffrire molto e fa paura.
È impossibile "rovinare la famiglia" esprimendo quella che sentiamo essere la nostra identità. Spesso il comportamento degli "adulti" copre emozioni di paura, terrore, rabbia che mal gestite diventano un comportamento desolante. Soprattutto nel campo delle identità sessuali c'è molta ignoranza e pregiudizio, spesso difficili da affrontare.
Quando in famiglia si creano situazioni complesse di questo tipo può essere utile farsi supportare da un professionista che ci aiuti a capire meglio noi stessi e che ci accompagni, ove esiste il desiderio, nel comunicare chi siamo ad altri.
Ha dimostrato molta forza nell'aprirsi e nello scrivere su questo portale.
Le auguro il meglio Lidia.
Un caro saluto.
Dott. Sacha Horvat

Dott.ssa Manuela Leonessa Inserita il 18/10/2021 - 15:29

Torino
|

Buongiorno Lidia,
essere genitori non è facile. A volte cercano il nostro bene ma lo fanno in maniera sbagliata.
La dura reazione dei tuoi di fronte alle tue rivelazioni è abbastanza comune: li hai spaventati. Probabilmente sono preoccupati per il tuo futuro, pensano che la vita per te sarà più dura del previsto.
Le persone che ci amano vogliono il meglio per noi, ma è difficile accettare l'idea che questo meglio sia diverso da ciò che si erano prospettati (un marito, un lavoro, dei figli, ecc.) Forse non sarà facile farglielo accettare e sicuramente ci vorrà del tempo. Un sostegno psicologico in questa fase della tua vita potrebbe essere importante per te, ti aiuterebbe a vivere serenamente questo momento complesso, a renderti più forte e consapevole di ciò che sei e che vuoi per la tua vita. Potresti provare a coinvolgere anche i tuoi in questo percorso. A volte i pregiudizi e gli stereotipi rendono spaventoso e inaccettabile ciò che spaventoso e inaccettabile non è.
Chiamami se vuoi approfondire.
Un caro saluto, dott.ssa Manuela Leonessa