Aurora  domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 25/03/2021

Milano

Interruzione gravidanza e confusione

Buonasera sono qui stasera per un consiglio poiché sono troppo confusa. Ho 23 anni ho già un bimbo di 5 anni , il 10 gennaio ho avuto la mia ultima mestruazione non immaginavo sicuramente una gravidanza , ho avuto con il mio attuale ragazzo solo rapporti protetti , è stata una scoperta schioccate . Ho scoperto di essere incinta all ottava settimana appunto perché non mi sono posta nemmeno il problema . Ne abbiamo parlato lui non lo vuole ed io non voglio fare lo stesso sbaglio di non dare al mio bambino un padre . Ho avuto gli stessi problemi nella relazione precedente . Sono spaventata ho già fatto richiesta per interrompere la gravidanza ma non ne sono sicura , ma allo stesso tempo ho paura di affrontare il dopo. Mi sento giù di morale . Ho affrontato moltissime difficoltà con il mio bimbo di 5 anni e non mi sento pronta ad affrontare tutto ciò e spero di non apparire una persona brutta . Sicuramente se avessi avuto un compagno consenziente non mi potevo nemmeno il problema e lo tenevo.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Claudia Irene Gambero Inserita il 25/03/2021 - 17:05

Milano - Centro storico
|

Cara Aurora,
Quello che stai attraversando è un momento molto duro, ti trovi a dover prendere una grande decisione che non è mai facile.
Credo che concedersi di farsi aiutare in questo momento sia molto importante e utile, anche per non vivere con senso di colpa le decisioni ci prenderai. Non sei una brutta persona, qualunque cosa tu decida. Hai il diritto e il dovere di pensare alla tua serenità e a quella di tuo figlio.
Un caro saluto,
Dr.ssa Claudia Irene Gambero

Dott.ssa Mirella Caruso Inserita il 27/03/2021 - 09:43

Gentile Aurora, mi sento in difficoltà a darle una risposta che possa esserle utile in un momento molto difficile che sta attraversando perché l'argomento è molto sensibile e delicato e non ci conosciamo. Si percepisce e rimanda a uno stato di "confusione". Lo farà per non fare lo stesso sbaglio della relazione precedente e negare a suo figlio un padre. Ha già fatto richiesta di interruzione, ma "non ne sono sicura". E c'è poi la paura di affrontare la vita che verrà. Un padre che non si sente pronto. Sottolineo questa contraddizione, “devo farlo, ma non ne sono sicura” che la rende confusa e l'ha spinta a postare qui una mail per cercare una risposta. La contraddizione, la conflittualità è propria dell'essere umano. Pensiamo di volere, desiderare una cosa, ma poi facciamo anche altro, a volte anche l’opposto. Le dicevo prima della mia difficoltà a risponderle. Perché in questo momento lei ha bisogno di decidere e qualsiasi decisione che prenderà sarà importante per il suo futuro e quella di suo figlio. Ed anche per il padre. Forse che la rende perplessa il fatto di non aver agìto per tempo e non si è allarmata al primo segno di assenza di mestruazioni? Mi fermo qui, credo che non sia corretto fare affermazioni che possano confonderla ulteriormente. In linea generale posso dirle, nei nostri studi lo osserviamo tutti i giorni, che ciò che noi riteniamo "sbaglio" e che tende a ripetersi negli anni ha le sue ragioni profonde e una logica, che può essere ricostruita e chiarita solo in un contesto di psicoterapia. Cari saluti.