Eva Zangirolami

Dott.ssa Eva  Zangirolami  Psicologa Psicoterapeuta albo #626 - Trentino Alto Adige

  •  TN
    provincia
  •  0
    apprezzamenti
  •  si
    prima consulenza gratuita in studio

   Descrizione

Laureata in Psicologia Clinica presso l'Università degli Studi di Padova, mi sono dapprima formata come Operatore di Training Autogeno presso il C.I.S.S.P.A.T. (Centro Italiano Psicoterapia a Breve Termine - Padova). Successivamente ho proseguito la mia formazione specializzandomi in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale presso la APC (Associazione Psicoterapia Congitiva – Verona).

 Ricevo privatamente presso il mio studio di Trento (via Grazioli 73) e Riva del Garda (via S. Nazzaro 47).                                Mi potete contatatre al numero 3331865772 o all'indirizzo e mail evazangirolami@yahoo.it

Mi occupo principalmente di DISTURBI DI ANSIA (come attacchi di panico, fobie, disturbo ossessivo compulsivo e altre forme di ansia), DISTURBI DELL'UMORE, INSONNIA (trattata individualmente o in gruppo attraverso tecniche di rilassamento ed applicando il protocollo scientifico previsto dalla Terapia Cognitivo come metodo elettivo per il trattamento di questa condizione), DISTURBI RELAZIONALI (in ambiti sociali, sul lavoro, in famiglia o in coppia).

Utilizzo ed insegno tecniche di rilassamento e meditazione, nello specifico la MINDFULNESS ed il TRAINING AUTOGENO che insegno sia individualmente che in gruppo con l'obiettivo di imparare un nuovo atteggiamento più accettante ed utile nei confronti di qualsiasi situazione si possa vivere nel quotidiano, con lo scopo di migliorare la propria qualità di vita.

L'approccio che utilizzo in Psicoterapia è quello Congitivo Comportamentale, un approccio scientifico che struttura e modalità di intervento secondo svariati studi sperimentali. Tali studi, neli anni, hanno mostrato che la Terapia Congitivo Comportamentale è la terapia d'eccellenza per la maggior parte di situazioni di disagio, con un efficacia paragonabile a quella del farmaco e addirittura migliora se confrontata ai risultati nel lungo termine (quando il farmaco viene sospeso).

Utilizzo la Terapia Congitivo Comportamentale in percorsi di coppia e percorsi individuali adatti a partire dall'età scolare (8 anni circa)

COME FUNZIONA LA TERAPIA CONGITIVO COMPORTAMENTALE E COSA SI FA DURANTE LE SEDUTE

Perchè interpretiamo gli eventi? Per dare un senso a cosa ci succede ed avere una minima percezione di controllo sulla nostra vita. Questo lo facciamo tutti. Quindi, quando sorgono i problemi? Possiamo immaginare le nostre interpretazioni come un paio di occhiali attraverso i quali guardiamo la nostra vita. Il problema si presenta quando le nostre lenti sono distorte perchè siamo cresciuti in un ambiente difficile, perchè abbiamo avuto esperienze spiacevoli o insegnamenti irrazionali, ... La nostra storia di vita ci influenza nel modo di vedere chi ci sta intorno e nell'interpretare cosa succede, ogni giorno. E a forza di interpretare secondo determinati lenti del passato ci formeremo delle convinzioni che, spesso, agiranno in modo automatico, al di fuori della nostra consapevolezza. A lungo andare ci sentiamo intrappolati in modo di sentirci e di comportarci dai quali sembra impossibile uscire, nonostante ci accorgiamo che siano per noi fonte di disagio. L'obiettivo principale sarà prendere consapevolezza delle proprie lenti, dando un senso al nostro modo di essere attraverso l'indagine della nostra storia di vita, facendo luce su quali esperienze, più di altre, possono aver contribuito a formare l'adulto che siamo oggi. Lo scopo, a lungo termine, sarà quello di imparare regolare le emozioni disfunzionali ed interrompere i circoli viziosi che mantengono la sofferenza nel tempo. Impariamo a conoscere meglio come funzioniamo, perchè, e a offrirci la possibilità di assumere e fidarci di punti di vista alternativi e più funzionali.

Indirizzo studio Eva
   60  € in studio a partire da

   Percorsi di crescita

  • Tecniche di rilassamento

   Approcci terapeutici

  • Terapia cognitivo comportamentale
Quello che conta di più, in realtà, non è tanto quello che ci accade, ma l'atteggiamento che noi assumiamo di fronte agli eventi.