Maria  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 16/11/2021

Pavia

Dimenticare o ascoltarsi?

Buonasera, scrivo sperando in un vostro parere.
Ho 35 anni e da quasi due anni ho chiuso una storia molto importante durata sei. Avevamo problemi a letto, credo lui non abbia mai voluto prenderla di petto, ogni volta era una scusa diversa, abbiamo discusso molto sopratutto nei primi anni, ma ci siamo anche amati e sostenuti, abbiamo viaggiato e cambiato città insieme. È stata una relazione molto intensa, ma nel sesso c’era questa voragine che ormai si faceva finta di non vedere, fin quando stremata, spaventata e anche indotta da una forte attrazione verso un’altro ragazzo ho deciso di chiudere.
Ho sofferto moltissimo e anche iniziando a frequentare quest’altra persona, ho continuato e continuo a soffrire. Mi manca la vita che facevo con il mio ex compagno, il tipo di sport che facevamo insieme, il tipo di viaggi, il modo di vedere il mondo. Mi manca in tantissime cose caratteriali..
Ho provato a portare quelle cose nel nuovo rapporto, ma mi sembra tutto un surrogato. Ho provato a farne di nuove, ma non mi danno lo stesso tipo di appagamento. Forse perché quest’altro ragazzo è molto sedentario e quindi anche facendo cose mi sembra sempre sia tutto un po’ forzato.
Ma non so se sono io che sono completamente accecata ed ossessionata dal mio ex e non riesco a vedere più il buono in nient’altro.
E non so se quelle cose le voglio solo perché le collego a lui. Mi sembra di aver perso una vita bellissima, e l’unica chance per vivere in modo appagante e poter creare una famiglia in quel clima.
E non so sè queste paure le devo ascoltare, perché mi stanno dicendo che forse la persona di ora non è così giusta per me, o le devo ignorare perché fanno parte di una vita che devo dimenticare.

  5 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Sacha Horvat Inserita il 22/11/2021 - 18:21

Milano
|

Buonasera Maria,
ascoltarsi è sempre bene, lo è anche essere ascoltati e trovare supporto nel comprendere meglio i nostri pensieri e fare chiarezza.
La sessualità è importante nella coppia e spesso delle difficoltà in quell'area possono diventare molto grosse e faticose da affrontare, allontanando i partner.
Penso che per lei possa essere importante poter affrontare e approfondire insieme ad un professionista la sua passata relazione, cercando di comprendere meglio quello che le accade oggi, quello che ha portato con sé del precedente legame e trovare un modo per poterlo rendere proprio e utilizzarlo come risorsa oggi.
Ascoltarsi ed essere ascoltati permette di trasformare quello che la nostra sofferenza ci chiede di dimenticare.
Un caro saluto.
Dott. Sacha Horvat

Dott.ssa Loredana Trebisacce Inserita il 22/11/2021 - 10:29

Roma
|

Cara Maria,
Le reazioni sono spesso luoghi complessi, così come sono complesse le persone che ne fanno parte.
Ciascuno ha idee, interessi, modi di fare e di vivere diversi e l'incastro che si crea tra due persone è squisitamente unico e irripetibile.
Le relazioni non si possono paragonare, come è impossibile paragonare le persone con cui entriamo in contatto.
A complicare le cose, se non bastasse, ci sono bisogni, emozioni, sentimenti e passioni, attrazione fisica e mentale.
Tu descrivi la tua precedente relazione come appagante su tutti i fronti eccetto quello fisico e sessuale e forse, da quello che scrivi mi permetto di presumerlo, quella attuale, invece, è nata quasi esclusivamente soltanto su questo aspetto...
Probabilmente sviscerare questi aspetti, da sola o con l'aiuto di un professionista potrebbero aiutarti a trovare delle risposte soddisfacenti.
Se ti va scrivimi ancora, resto a disposizione per qualsiasi chiarimento.
Un caro saluto
Dottoressa Loredana Trebisacce

Dott.ssa Antonella Tattolo Inserita il 17/11/2021 - 10:30

Roma
|

Buongiorno Maria,

la sua richiesta mi sembra piuttosto confusa e piena di dubbi, ciò che sembrerebbe chiaro però è la soluzione che propone: dimenticare o ascoltarsi, un po' come dire "bianco o nero" non riuscendo a cogliere gli altri colori e sfumature che sicuramente la circondano. La possibilità di raccontarsi potrebbe aiutarla a fare chiarezza su ciò che è avvenuto e su ciò che vorrebbe.
Rimango a disposizione
Cordiali Saluti
Dott.ssa Antonella Tattolo

Dott.ssa Fabiana Marra Inserita il 17/11/2021 - 09:02

Lecce
|

Salve Maria, sono la dottoressa Marra Fabiana. Le dico che non esiste un manuale per non sbagliare nella vita di coppia quindi non "esiste la cosa giusta", ma tutto è dato dai nostri bisogni. Quali sono i suoi bisogni in questo momento per una storia sentimentale? Questo si dovrebbe chiedere, perché le coppie sono unite dai bisogni di ciascun partner. Resto a disposizione per eventuale percorso. Buona giornata
Dott.ssa Fabiana Marra

Dott.ssa Alice Mortarotti Inserita il 22/11/2021 - 12:56

Buongiorno Maria, la prima cosa che mi sono chiesta è quanto la rappresenti questa domanda oggi: dimenticare o ascoltarsi? Sento molta sofferenza nel suo racconto, lei parla di paure, di perdite, di incertezze. Come se una parte di lei sia perduta, smarrita o forse ancora identificata con il noi della relazione passata. Credo sia importante per lei oggi prendersi cura di questa parte, di consolarla e di renderla partecipe del suo Sè presente. Analizzare questa frammentazione interna potrebbe essere il primo passo per superare la perdita dell'altro, lutto che in questo momento non sembra elaborato. Mi sentirei quindi di consigliarle un percorso alla riscoperta di Sè che potrà esserle di aiuto nel vedersi e nel vedere le sue problematiche attuali da un'altra prospettiva. Attraverso lo sguardo dell'altro, professionista al suo fianco, potrà nuovamente trovare gli stimoli in lei prima che nell'altro. Lo sport, i viaggi, il modo di vedere il mondo le appartengono nell'oggi, i ricordi legati a questi invece la riportano nel passato. Quello su cui le proporrei di focalizzarsi è il presente così da avere una visione più lucida del possibile futuro. Sono disponibile online se le interessasse fare un pezzo di strada assieme nel viaggio alla riscoperta del suo Sè! Un cordiale saluto
Drssa Alice Mortarotti