Alex  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il

Roma

Relazione complicata

Buongiorno, ho, una relazione problematica con una persona, probabilmente entrambi lo siamo, problematici ma ora cercherò di esporre quello che mi disturba di questa persona che ho conosciuto.
Ci siamo conosciuti su facebook, su una sezione diciamo "hot" e brevemente la nostra conoscenza si è fatta virtualmente "calda" da subito. Il "problema" è stato che io mi innamorassi piuttosto brevemente di questa ragazza e seppur lei ancora non si era esposta come feci io, sentivo che anche in lei stesse crescendo qualcosa di importante.
Nel periodo iniziale lei mi parlava delle sue relazioni passate, io feci anche delle domande (tipo se lo avesse mai fatto in tre e mi rispose in maniera affermativa). Mi raccontò per esempio di un episodio successo in un centro naturista dove un suo amico la fece entrare manipolandola e lei una volta dentro si intrattenne con un uomo che le si avvicinò. Di questa esperienza lei mi disse che si sentì in debito di dover fare tutto quello che fece, quasi fosse costretta da un qualcosa...
Mi ha detto di aver subito abusi (diciamo velatamente dato che ha difficoltà a parlarne) quando era molto piccola, da padre. La sua vita è piena di esperienze sentimentali con persone poco raccomandabili, per quanto lei non sia assolutamente parte di quell'ambiente. La madre ha problemi psichiatrici, lei è stata allontanata e vissuto prima in istituto, da bambina, poi in età adolescenziale in una famiglia affidataria. Lei non è psichiatrica ma ha fatto un percorso psicologico lungo e forse neppure terminato. Credo abbia dei problemi seri con se stessa e questo ricade anche sugli altri e nello specifico su me.
Per esempio, se un uomo le si avvicina, le offre un caffè e magari le fa un regalo per lei è un uomo gentile, scarta a priori l'ipotesi che sia un uomo che sta tentando un approccio. Nascono litigi in quanto quando io sento di comportamenti altrui rimango quasi allibito di come lei non riconosca o finga di non riconoscere alcuni comportamenti come degli approcci.
Venendo all'ultimo episodio: la ragazza è iscritta ad un portale per diciamo "accompagnatrici", ragazze che lavorano in ambito di fiere, cene ecc...non un qualcosa di prettamente sessuale ma diciamo che l'ambito è quello (solo che contrariamente alle escort non devono avere rapporti per lavoro). Mi ha detto che l'idea le sia nata dal fatto che fisicamente non riesce a fare altre cose, di fatto comunque non ha mai accettato alcun ingaggio.
Poco tempo fa è stata contattata da una sua frequentazione, un uomo sposato con la quale ha avuto una relazione, lui a mio parere non l'ha trattata esattamente con il rispetto che lei dice di aver ricevuto, per esempio lui non le ha dato mai nemmeno il numero di telefono...(chattavano su telegram).
Lei mi disse che lui aveva dei problemi con la moglie, quasi come per giustificare che lei avesse avuto una relazione con lui (ovviamente negando che questa fosse una giustificazione). Sempre lei mi disse che ha interrotto i rapporti sessuali rimanendo amica di questo tizio, e che lui avesse rispettato la sua decisione (come se lui avesse altra scelta, altra cosa che del suo racconto che mi è incomprensibile). Insomma questo tizio l'ha contatta dopo diversi mesi che lei era assente chiedendole come andasse e una volta saputo che lei era in ristrettezze economiche lui le ha fatto la proposta di "ingaggiarla" come wing per una cena. Lei mi ha parlato della cosa ed io ovviamente mi sono mostrato dubbioso, insomma, ho dei dubbi che lui sia un santo che voglia solo ed esclusivamente aiutarla economicamente, ma lei naturalmente è convinta della bontà di questa persona (di cui non ha MAI parlato male). Siamo arrivati al punto che in un litigio lei mi abbia accusato di volerla sempre dentro casa (in riferimento al fatto che io non ero convinto dell'uscita lavorativa con quest'uomo).
Non riesco a dire tutto quello che sta succedendo nella nostra relazione, che è a distanza, purtroppo. Stiamo pensando fortemente ad andare a vivere insieme perché tra noi c'è grande amore ma ci sono anche problemi.
Per esempio nella conversazione con questo suo ex amante io "non c'ero", nel senso che lei non ha menzionato nemmeno che lei avrebbe dovuto consultarsi anche con me per potergli dare una risposta. Al mio esporre il mio sentimento di esclusione lei mi ha detto che lui ha in qualche modo capito che lei avrebbe dovuto parlarmene ma di fatto non gliel'ha detto e praticamente nega di avermi escluso (si è vero mi ha detto tutto ma nello specifico io nella conversazione non c'ero). Lei è una persona molto sensibile, fragile, piena d'amore, forse troppo, ma a volte mi pare abbia dei serissimi problemi ad ammettere quando sbaglia. Sembra una persona sincera e trasparente, un attimo dopo mi sembra di un'ipocrisia sconcertante, di un'ingenuità imbarazzante (che io ho dubbi sia autentica al 100%). Insomma, ho bisogno di aiuto, spero di essere stato chiaro, ho scritto a flusso di coscienza. Grazie

  0 Risposte pubblicate per questa domanda